Il “Bello” Fotografico

Nel 1915 Edward Steichen fotografò una bottiglia di latte sulla scala antincendio di una casa popolare, e diede uno dei primi esempi di una nozione completamente differente della bella fotografia. E a partire dagli anni ’20, i professionisti più ambiziosi, quelli che arrivano ai musei con le loro opere, hanno continuato a staccarsi dai soggetti lirici, esplorando consapevolmente materiali insignificanti, pacchiani o addirittura insulsi. Negli ultimi decenni, poi, la fotografia è riuscita a imporre a tutti una parziale revisione delle definizioni del bello o del brutto, sulle stesse linee proposte da Whitman. Se (per citare Whitman) «ogni oggetto o condizione o combinazione o processo esprime una sua bellezza », diventa superficiale definire belle certe cose e non altre.

S. Sontag, Sulla Fotografia, Piccola Biblioteca Einaudi, Torino, 2004, p. 25

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.